Organizza la tua vacanza

 archeologia
 arte e cultura
 mare
 monumenti e musei
 natura
 piatti e prodotti tipici
 sport e benessere
 tradizione e religione

Mobile

Visita la versione mobile del portale ottimizzata per iPhone e Android

Twitter

Seguici anche su Twitter
Lascia un feedback per questo contenuto

Collegio dei Gesuiti

 
Collegio dei Gesuiti

Il complesso monumentale sorge lungo il pendio a valle dell'acropoli, in una zona centrale della città.

Poiché la sua costruzione ha comportato la preventiva demolizione di un gran numero di case e il conseguente trasferimento dei loro abitanti, la sua presenza, pur avendo impreziosito il tessuto urbano, tuttavia è stata causa della perdita di dati storici e artistici dell'assetto urbano originario, che data la presenza di caratteristiche islamiche nelle immediate vicinanze, si presume dovesse essere anch'esso di tipo arabo.

Due cortili vicini ma su livelli diversi, il più grande un tempo verosimilmente porticato, il minore denominato "delle carrette" perché prima adibito ad attività di servizio, rappresentano il cuore della struttura del collegio.  Nel suo interno accoglie una riproduzione della Casa di Loreto e la chiesa del Collegio stesso, inaugurate nel 1705, nonché l'Oratorio del Ritiro al di sopra del tempio. Un affresco raffigurante il Trionfo di Gesù e Maria ricopre la volta dell'ambiente che un tempo ospitava la Congregazione Segreta, conferendole un aspetto suggestivo.  Una nuova chiesa fu costruita nel 1696 per sostituire la prima, andata in rovina dopo pochi decenni dall'inaugurazione: è a tre navate, con l'intradosso della volta diviso in riquadri da cornici in stucco. Otto colonne tuscaniche sostengono gli archi sui quali poggiano i muri longitudinali della navata centrale. Un'ordinata disposizione di elementi in pietra "campanedda" regola elegantemente la facciata, caratterizzata nella parte centrale da una scenografica gradinata di sagoma mistilinea e dal magnifico portale, la cui trabeazione è retta da due coppie di colonne a torciglione, lungo le cui spirali si avvitano tralci con grappoli d'uva. La monumentalità di tutto il complesso è accentuata dal ritmo delle paraste che si susseguono lungo le facciate.

Localita' Salemi