Organizza la tua vacanza

 archeologia
 arte e cultura
 mare
 monumenti e musei
 natura
 piatti e prodotti tipici
 sport e benessere
 tradizione e religione

Mobile

Visita la versione mobile del portale ottimizzata per iPhone e Android

Twitter

Seguici anche su Twitter
Lascia un feedback per questo contenuto

Torre San Giovanni di Cofano

 
Torre Cofano

La Torre sorge su un ripido terrapieno alle pendici meridionali del Monte Cofano che la sovrasta; quasi a picco sul mare, crea un collegamento visivo verso nord-est con la punta dell'Isolidda, verso ovest con l'isola di Levanzo, verso sud-ovest con la Tonnara e la Torre di Bonagia, e con Monte Erice. Si tratta di una delle più importanti torri di avvistamento di tipo "Camillianeo" edificata tra la fine del '500 ed il '700 per la difesa della costa. Alla fine del 1500 il Camilliani, oltre a descrivere il luogo su cui erigere la Torre, ne fornisce il progetto ad acquerello, rappresentandola a pianta quadrata(non più a base circolare come le precedenti) e a due livelli di inclinazione, il primo dei quali con le pareti oblique. Nel 1595 la Deputazione del Regno in una lettera inviata al Commissario Generale delle Torri Alfonso Madrigal scrive:"Si è designato farsi una torre a Cofano". Nel 1682-1683 Vito Carvini nella sua descrizione del luogo e della torre così afferma: "… la settima ed ultima in cui termina il fano di tutte è quella di San Giovanni, o Cofano, così pure detta dal monte alle cui falde si erigge. In ogn'una di queste torri vi commorano tre soldati, cioè caporale, artigliere, e soldato semplice … le fabbriche di queste torri sono alte e robuste, tengono li cannoni, petriere, ed altri bellici stromenti, e sono presidio singolarissimo al Regno…". Nel 1867 la Torre di Cofano è verosimilmente compresa nell'elenco delle opere militari da dismettersi. La muratura in pietrame calcareo informe, con angolari in conci di tufo squadrati, presenta le seguenti aperture: una finestra rettangolare centrale con grande cornice di conci si apre al primo piano sul lato nord-est, mentre un'altra simile, ma più bassa, si apre a sud-ovest. L'ingresso odierno, presumibilmente creato successivamente, si apre invece sul fronte sud-est ed è una piccola porta rettangolare con arco superiore di scarico e servita da una scaletta in muratura. Gli interventi ricostruttivi e di restauro sono stati realizzati sulle tracce esistenti nel rispetto dello stile originario.

Localita' Custonaci