Organizza la tua vacanza

 archeologia
 arte e cultura
 mare
 monumenti e musei
 natura
 piatti e prodotti tipici
 sport e benessere
 tradizione e religione

Mobile

Visita la versione mobile del portale ottimizzata per iPhone e Android

Twitter

Seguici anche su Twitter
Lascia un feedback per questo contenuto

Chiesa dei Cappuccini

 

Sorta ai margini del centro storico, la chiesa insiste in un quartiere di espansione settecentesca, una volta denominato "Pietra Palazzo", in quanto in quella zona si estraeva una pietra dura utilizzata dagli scalpellini per la creazione di colonne, architravi, capitelli ed altri elementi architettonici utili per la costruzione di chiese e palazzi. La sua origine risale al 1619, quando viene edificata su richiesta dei Padri Cappuccini, i quali costruiscono a Trapani due conventi; il primo nel XVI secolo, dedicato all'Immacolata Concezione, volgarmente detto del "Luogo Vecchio" e presto abbandonato; il secondo detto del "Luogo Nuovo", nel quale si trasferiscono definitivamente nel 1672. Inizialmente a fianco al convento si trovava la chiesa di Porto Salvo.

In posizione avanzata rispetto al fabbricato del convento precedentemente edificato, la chiesa ha cinque cappelle. La struttura in muratura contraffortata subisce notevoli trasformazioni nel corso dei secoli: la più evidente è la sostituzione della volta a schifo lunettata con l'attuale volta a botte. Unico elemento decorativo degno di rilievo sulla facciata molto semplice è un grande portale con lesene a sostegno di un timpano triangolare spezzato. Posto nel 1669 sull'altare maggiore, un prezioso e grande reliquiario custodisce i sacri frammenti donati dal vescovo di Pisa. La chiesa accoglie inoltre la tomba dello scultore Antonio Nolfo, la statua di Santa Lucia, opera del Tartaglio, ed il quadro della Madonna di Trapani con Sant'Alberto, realizzato dal Felice. Nelle cappelle laterali sono poste le sculture in legno del Crocifisso, della Madonna e di San Giovanni, eseguite dal Cappuccino Fra' Benedetto.

 

Localita' Trapani