Dove si trova

MAPPA DELLA PROVINCIA

Organizza la tua vacanza

 archeologia
 arte e cultura
 mare
 monumenti e musei
 natura
 piatti e prodotti tipici
 sport e benessere
 tradizione e religione

Mobile

Visita la versione mobile del portale ottimizzata per iPhone e Android

Twitter

Seguici anche su Twitter

Biblioteca digitale

Lascia un feedback per questo contenuto

EX CONVENTO DI SANTO STEFANO

 
Santo Stefano

Il complesso edilizio comprendente la chiesa ed il monastero di Santo Stefano ricade in una vasta area quadrangolare del centro storico lilibetano, un tempo caratterizzata dalla presenza della comunità ebraica.
Il complesso, fondato dal nobile Stefano Frisella nell'anno 1605, viene realizzato sulle rovine di un antico fabbricato sede prima del "Palazzo dei questori romani" ed in seguito, nel IX secolo, del "governo saraceno". All'inizio del XII il nobile Stefano Frisella acquista l'edificio dalla famiglia Ferro, lo ristruttura, e lo adibisce a monastero per le Agostiniane Scalze donandolo ad una delle sue figlie, badessa agostiniana. Nello stesso tempo fa costruire una chiesa che nel 1866 viene incamerata tra i beni dello Stato Italiano, e che attualmente è chiusa al culto.
La sua facciata principale a capanna sulla via Frisella, molto sobria e priva di decorazioni, presenta un portale architravato sormontato da una nicchia, da una finestra ad arco ribassato, posta nel triangolo del frontone ed un'altra collocata asimmetricamente. Larghi conci di tufo a vista ricoprono lo spigolo della facciata.
La facciata laterale che dà sulla via Sarzana è caratterizzata da un portale architravato di gusto manieristico, il cui transito risulta chiuso da una tompagnatura interna nella quale si è ricavato un altare. L'interno, ad unica navata, è impreziosito da pregevoli stucchi settecenteschi - fra gli altri, il rilievo in stucco raffigurante la Gloria di Santo Stefano - tele e dipinti.
Contigui alla chiesa sono i locali dell'ex monastero che si affacciano su un ampio cortile porticato con colonne di marmo che sostengono archi a pieno centro; sopra il colonnato corre un largo ballatoio su cui si aprono i locali del primo piano.
Attualmente l'ex monastero è sede di istituti scolastici. (COD. SPI 009)

Numero tappa 25

Vedi comune di appartenenza